Tablet o smartphone: meglio comprare un phablet

tabletTutti noi sappiamo bene cos’è un tablet, un dispositivo che ci permette di connetterci alla rete, con un display touch di dimensioni sufficienti da consentirci di utilizzarlo per lavorare, rispondere alle email, scrivere dei testi. Più grande di uno smartphone, un tablet viene sfruttato molto di più per motivazioni correlate al lavoro, ma anche allo svago: con il tablet si guardano dei video, grazie all’ampio display, o si producono testi senza doversi destreggiare tra tasti di dimensioni minuscole. Molti di coloro che possiedono un tablet, o che lo vorrebbero acquistare, si trovano però a disagio con le sue dimensioni, quindi acquistano uno smartphone, per poi lamentarsi del display decisamente troppo piccolo. In questi casi la soluzione migliore non è lo smartphone, e neppure il tablet, ma il phablet.

Cos’è un phablet

Un phablet è una via di mezzo tra un tablet e uno smartphone. Stiamo parlando di un dispositivo che ha quasi le dimensioni di un tablet, ma che si mantiene entro i 7-8 pollici, evitandoci quindi di dover acquistare apposite custodie per poterlo portare con noi ogni giorno; in più, proprio come uno smartphone, viene venduto con la possibilità di inserirvi una SIM telefonica, per sfruttarlo come un vero e proprio smartphone. Le dimensioni contenute, ma non eccessivamente, e la qualità del display e delle altre dotazioni, permettono un’ampia versatilità ai phablet. Dispositivi come il samsung galaxy note 9 sono pensati per un utilizzo intenso e molteplice. Si possono quindi sfruttare sia per il lavoro, sia per lo svago. Il display che supera i 6 pollici in diagonale permette di vedere anche dei film in streaming, così come di utilizzare software di scrittura senza grossi problemi. I modelli samsung di phablet poi sono muniti di una comoda pennetta, con cui prendere annotazioni e da utilizzare per scrivere direttamente sul display, senza dimenticarsi nulla.

Perché acquistare un phablet

Le motivazioni che portano ad acquistare un phablet sono molteplici, diverse da soggetto a soggetto. Sta di fatto che questi dispositivi sono oggi in costante diffusione, grazie proprio alle loro ampie possibilità. In linea di massima si tratta di ibridi tra telefoni e tablet, cosa che però non esplica bene la questione: molti dei modelli di alta gamma di phablet oggi presenti in commercio possiedono sia le caratteristiche positive degli smartphone, sia quelle positive dei tablet. Ad esempio, possiedono una SIM, ma ce ne sono anche dei modelli con slot per due SIM; anche alcuni Tablet sono muniti di SIM, ma telefonare con dispositivi che hanno display eccessivamente grandi ha poco senso, ed è anche decisamente poco pratico. Un phablet invece è solo di qualche centimetro più grande rispetto ad un normale smartphone, quindi utilizzarlo per telefonare è del tutto pratico. Con uno smartphone è possibile vedere filmati, non solo brevi video, ma anche interi film in streaming, addirittura visionare un TG o un programma televisivo. Certo che le immagini sono però di dimensioni decisamente troppo piccole; lo stesso avviene se si vuole scrivere una e-mail o un testo con un programma di scrittura. Sul display del phablet invece queste operazioni si svolgono in totale comodità, grazie a quei pochi centimetri in più che fanno la differenza.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi