Ecco i passaggi da seguire per orientare correttamente l’antenna

no god - antennistaSe continui a riscontrare sul tuo televisore un piccolo riquadro con su scritto segnale debole o assente, se non ti è più concesso guardare i tuoi film e serie TV senza ritardi, è probabile che siano stati commessi degli errori nell’orientamento dell’antenna esterna. Con il definitivo passaggio al digitale terrestre, inizialmente previsto per il 31 dicembre 2006 ma poi prorogato al 4 luglio 2012, il posizionamento dell’antenna sul balcone o sul tetto diviene di fondamentale importanza. Non si tratta di un’operazione semplicissima alla portata dei meno esperti. Infatti, nel caso in cui siano commessi degli errori nell’orientamento dell’antenna esterna, si rischia di non riuscire più a guardare i canali nazionali. Seguendo scrupolosamente i suggerimenti offerti da fonti attendibili come antennista.it, la cosa più giusta da fare è contattare un installatore professionista in grado di completare l’intera procedura. L’installatore professionista, facendo uso di una strumentazione avanzata, riuscirà ad individuare l’esatta posizione geografica dei ripetitori più vicini all’abitazione. Completato questo passaggio, utilizzando una bussola, si dovrà stabilire il nord. Lo scopo è quello di individuare la direzione in cui deve essere orientata l’antenna per il digitale terrestre. Lo scopo deve essere quello di intercettare al meglio il segnale del satellite in modo da migliorare la qualità della visione.

La fase successiva all’orientamento dell’antenna: la sintonizzazione dei canali

Terminate le operazioni di posizionamento dell’apparecchiatura, il personale qualificato passa alla sintonizzazione dei canali nazionali. Ciò avviene attivando una rapidissima ricerca automatica. Se questa darà esito positivo, vuol dire che l’apparecchio è finalmente in grado di ricevere le onde radio. In caso contrario, si torna allo stadio precedente quindi a valutare la posizione dell’antenna esterna e ad applicare delle correzioni. Qualora il problema dovesse ripresentarsi, è altamente probabile che l’antenna sia stata danneggiata. L’unica cosa da fare è procedere alla sostituzione della stessa con altro modello o con una parabola. Nel fare ciò, trattandosi spesso di tornare sul tetto di casa, il suggerimento dato è quello di contattare un professionista esperto, in modo che riesca q capire se l’antenna può essere riparata oppure è il caso di procedere con la sostituzione.

Il costo medio di un’installazione semplice

Quando si tratta di una villetta oppure di una piccola casa isolata, l’installazione dell’antenna o della parabola non dovrebbe risultare troppo impegnativa. Entrando nello specifico, il costo totale va dagli 80 fino ai 130 euro per ogni presa d’antenna desiderata, a seconda delle zone interessate. In genere, si tratta di ridotti impianti TV progettati per 4-5 persone al massimo. Al riguardo, l’installatore professionista è solito impiegare un sistema di distribuzione con cavo assiale ed un convertitore LNB formato universale. Poi, non mancano mai all’appello alcuni partitori di segnale in modo tale da poterlo distribuire equamente tra i ricevitori rimasti attivi. Se dovessero insorgere dei problemi, durante il passaggio dei cavi, questi possono essere risolti adoperando un cablaggio Unicable. È doveroso notare che una tal soluzione potrebbe comportare un leggero aumento dei costi dell’impianto e richiedere la sostituzione del decoder non compatibile. Intanto, è in costante aumento il numero di clienti richiedenti l’intero cablaggio in fibra ottica.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi