Ristrutturare casa: da dove si comincia

casa ristrutturataOgni abitazione, prima o poi, necessita di una ristrutturazione. In alcuni casi non è necessario effettuare grandi opere, mentre in alcune abitazioni è necessario, dopo molti anni, sostituire la gran parte degli impianti, gli infissi, le pavimentazioni, i rivestimenti delle pareti. Per comprendere quali siano le opere più urgenti, e quali invece si possano posticipare, è possibile contattare una ditta di ristrutturazioni roma, che ci saprà consigliare per il meglio.

La spesa

Ristrutturar e la casa ha un costo sempre importante, anche quando le opere da affrontare sono poche. Si deve sempre tenere però conto del fatto che ristrutturare un’abitazione porta a dei vantaggi precisi e immediati. Come prima cosa il comfort abitativo aumenta, sempre, anche se si sostituisce un singolo impianto, o solo il pavimento. Oltre a questo si potrà ottenere anche un aumento del valore dell’immobile, cosa interessante nel caso in cui si intenda prima o poi rivenderlo. Alcune ristrutturazioni inoltre consentono di diminuire enormemente le spese di gestione della casa. Si pensi ad esempio alle opere di efficientemanento energetico, come ad esempio il posizionamento di infissi ad elevata coibentazione, o di un capotto esterno, o la sostituzione dell’impianto di riscaldamento. Una casa che ha meno scambi di calore con l’esterno è molto più economica da mantenere, sia in inverno, sia in estate.

Le detrazioni

Quando si devono valutare le opere da affrontare in casa è importante anche considerare che lo Stato Italiano, con la Legge di Stabilità permette di detrarre buona parte delle spese dalle tasse annuali. In particolare buona parte delle opere di ristrutturazione possono essere detratte per il 50% della spesa, alcune anche per il 65% o l’85%. La detrazione viene riconosciuta sulle tasse, suddivisa in 10 rate annuali e non può dare adito ad un credito di imposta. Questo significa che se le tasse pagate annualmente sono molto basse la detrazione può azzerarle ma non farci avere un rimborso. Per poter usufruire delle detrazioni è necessario essere in possesso di tutte le fatture dei lavori svolti, che dovranno essere saldate tramite bonifico bancario. Conviene anche ricordare che le opere di ristrutturazione edile hanno un’IVA agevolata al 10%. Rientrano nelle opere di ristrutturazione detraibili anche gli acquisti di elettrodomestici di grandi dimensioni, purché diano di classe A o superiore, e anche i mobili. A patto che tali acquisti siano fatti per una casa che effettivamente sta subendo una ristrutturazione.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *