Fermenti lattici attivi: cosa sono e quando prenderli

intestinoIn periodi di grande stress, oppure subito dopo un’influenza, il nostro corpo si presenta debilitato e fortemente provato dai medicinali che abbiamo assunto. Per riuscire a dargli maggiore forza, e un nuovo slancio vitale, possiamo assumere i fermenti lattici.

Grazie al loro utilizzo, l’intestino ritrova il suo naturale equilibrio subito dopo la malattia. Tuttavia, i fermenti lattici vivi non vengono solo utilizzati come cura: molto spesso, infatti, vengono utilizzati nella prevenzione dei disturbi intestinali. La loro azione permette di migliorare il sistema immunitario di una persona, rendendolo il più possibile impermeabile contro eventuali attacchi da parte dei batteri cattivi.

I fermenti lattici possono essere assunti attraverso l’uso di bustine (acquistabili in farmacia), oppure mangiando determinati alimenti: lo yoghurt e il latte, ad esempio, ne forniscono un grande apporto all’organismo.

Tuttavia, quando si acquistano i probiotici di questo tipo è importante leggere con attenzione l’etichetta: tra i vari componenti, infatti, dovrebbero essere presenti il bifidus, il bulgaricus e lo streptococcus. Questi tre elementi, infatti, sono alleati naturali della flora batterica.

Tuttavia, possiamo assumere fermenti lattici non solo attraverso i latticini: le banane e i cereali possiedono al loro interno le stesse proprietà, e gli stessi probiotici che troviamo nello yoghurt, anche se in misura inferiore.

Un’altra piccola attenzione da tenere sempre a mente riguarda la conservazione: i fermenti lattici attivi (soprattutto se parliamo di quelli alimentari) devono essere riposti in frigorifero ad una temperatura non inferiore ai 4 gradi.

Torniamo a parlare, invece, dei fermenti lattici acquistabili in farmacia: solitamente si presentano come bustine da sciogliere in acqua, oppure in piccole fialette facili da utilizzare.

Tendenzialmente, questo tipo di probiotici vengono assunti al mattino a stomaco vuoto: prima di fare colazione, potete sciogliere la vostra bustina in mezzo bicchiere d’acqua.

Nel caso in cui stiate assumendo fermenti lattici come cura preventiva contro i malanni, vi sarà sufficiente assumerli una volta al giorno. Se, invece, si tratta si un’assunzione di tipo curativo possono essere presi anche due o tre volte al giorno (rispettando la posologia indicata sulla confezione oppure seguendo l’indicazione del medico, e sempre in corrispondenza dei pasti).

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *